Un pratico glossario per scoprire il significato dei principali termini legati alla digestione e ai disturbi intestinali .


  • Allergene: molecola "estranea" al nostro organismo, in grado di innescare in alcuni soggetti sensibili una forte risposta immunitaria (reazione allergica)
  • Amido: macromolecola formata dall'unione di unità di glucosio. Abbondante in patate, pasta e riso
  • Aminoacidi: unità fondamentali componenti le proteine
  • Ano: apertura verso l'esterno dell'apparato digerente, attraverso la quale avviene l'espulsione delle feci.
  • Bile: liquido secreto dal fegato; emulsiona i grassi facilitando la digestione di alcune vitamine e contrasta l'acidità del chimo, in uscita dallo stomaco
  • Cardias: punto di giunzione tra esofago e stomaco, permette il passaggio del cibo solo dall'alto verso il basso ostacolando il reflusso verso l'esofago
  • Bolo: mix di cibo e saliva, si forma in bocca ed è convogliato allo stomaco
  • Carboidrati: sinonimo di zuccheri, sono le unità alimentari fondamentali da cui otteniamo energia
  • Chilo: chimo fuoriuscito dallo stomaco e che intraprende il percorso lungo l'intestino
  • Chimo: risultato dell'azione di enzimi e succhi digestivi sul bolo, che avviene nello stomaco
  • Cieco: prima porzione dell'intestino crasso, lo collega a quello tenue
  • Cistifellea (o colecisti): piccolo organo a forma di pera che immagazzina la bile prodotta dal fegato, convogliandola nel duodeno quando il chimo passa dallo stomaco all'intestino
  • Colon (suddiviso in ascendente, trasverso, discendente e sigma): rappresenta la maggior porzione dell'intestino crasso. Qui avviene il riassorbimento di acqua, sali minerali e vitamine
  • Diarrea: disturbo della defecazione che consiste nell'evacuazione giornaliera di una maggior quantità di feci particolarmente acquose
  • Digiuno: secondo tratto dell'intestino tenue, dove avviene gran parte dell'assorbimento delle sostanze nutritive
  • Duodeno: prima porzione dell'intestino tenue. Riceve bile e succhi pancreatici ricchi di enzimi digestivi, fondamentali per la digestione
  • Endometriosi: malattia cronica originata dalla presenza anomala del tessuto che riveste la parete interna dell'utero (endometrio) in altri organi quali ovaie, tube, peritoneo, vagina, intestino.
  • Enzimi digestivi: particolari proteine in grado di accelerare i processi di degradazione e scissione degli alimenti fino ai loro componenti fondamentali (molecole) assimilabili e utilizzabili dal nostro organismo
  • Esofago: "tubo" lungo circa 25-30 cm che collega la faringe allo stomaco
  • Faringe: sede della deglutizione del cibo sminuzzato
  • Feci: risultato degli scarti della digestione e del cibo non digerito, si espellono attraverso l'ano
  • Fegato: ghiandola più voluminosa del corpo umano, svolge numerose funzioni necessarie per il nostro metabolismo. Il suo ruolo nella digestione è quello di produrre la bile, responsabile della digestione dei grassi Fermenti lattici: Vedi Probiotici
  • Fibre: classe di alimenti priva di valore nutrizionale per l'uomo ma utili per la capacità di gonfiarsi nell'intestino richiamando acqua, quindi ammorbidendo le feci
  • Flora batterica: microorganismi batterici che popolano il nostro intestino e che aiutano digestione e sistema immunitario
  • Ileo: porzione finale dell'intestino tenue, assorbe principalmente la vitamina B12, gli acidi della bile ed eventuali alimenti non assorbiti dal digiuno
  • Intestino crasso: seconda porzione dell'intestino
  • Intestino tenue: primo lungo tratto dell'intestino
  • Lassativo: principio attivo o sostanza naturale in grado di facilitare l'evacuazione delle feci
  • Mucillagini: sostanze naturali che hanno la proprietà di trattenere l'acqua nelle feci
  • Pancreas: grossa ghiandola che produce e secerne succhi pancreatici (per la digestione di proteine, grassi e zuccheri) e due ormoni per il controllo della quantità di zucchero nel sangue (insulina e glucagone)
  • Patogeni: organismi dannosi per l'organismo, possono determinare l'insorgenza di malattie
  • Peristalsi: serie di contrazioni muscolari che regolano il movimento di ciò che ingeriamo lungo tutto il sistema digerente
  • Prebiotici: substrati senza valore nutritivo per noi ma utili per favorire la flora batterica intestinale
  • Probiotici o Fermenti lattici: microorganismi in grado di stimolare o ricostituire la flora batterica
  • Piloro: valvola che regola il passaggio del cibo dallo stomaco all'intestino, impedendo il reflusso
  • Retto: qui vengono contenute le feci in attesa della defecazione
  • Sindrome da Colon Irritabile: patologia causata dall'alterazione delle contrazioni muscolari dell'intestino, che possono quindi provocare dolori addominali e in generale disturbi della defecazione
  • Stitichezza: disturbo della defecazione che consiste in una frequenza di scariche minore di 3 volte a settimana
  • Stomaco: organo a forma di sacco, contiene il cibo ingerito regolandone l'ingresso graduale nell'intestino. Qui comincia la digestione grazie ad enzimi e succhi digestivi
  • Succhi gastrici: secrezioni della mucosa dello stomaco ricchi di enzimi digestivi